I NOSTRI MAIN SPONSOR

SSC Napoli - rassegna stampa

Corbo: “Dopo Higuain è mancato il coraggio di nuove idee”

L’editoriale di Antonio Corbo su La Repubblica

Più che la sconfitta, preoccupano le facce di Sarri e Gabbiadini. Il Napoli riparte se i due superano lo sgomento di queste ore, se riflettono su errori che vanno oltre l’1-3, se rinunciano ad atteggiamenti vittimistici. Higuain se n’è andato il 13 luglio, mica ieri. Né un infortunio può giustificare una sbandata: Milik non garantiva da solo i 36 gol del bomber spergiuro. Accade quello che poteva accadere: senza il miglior cannoniere d’Italia da 64 anni in qua, si sapeva che la bellezza del gioco sarebbe diventata fragile come un’illusione, che andavano studiate soluzioni alternative a meccanismi risaputi, magari cercando nuove idee, energie tra acquisti purtroppo murati vivi. Gabbiadini ha fallito la prova, ma cosa ci si aspettava? Di lui si sa tutto: è prezioso se va in campo e segna, altrimenti svanisce. Come tutti i bomber per caso, non dialoga, non tesse ricami nel merletto di Sarri, non minaccia i campagni che lo trascurano. Sarri era dinanzi ad una scelta: ricominciare dopo Milik con un finto attaccante o inserire Gabbiadini. Gli è andata male. Gabbiadini è punta da secondo tempo, quando si allargano le distanze e si abbassano i ritmi. Higuain teneva in allarme le difese, le colpiva poi con estemporanea ferocia. Con Gabbiadini no, i difensori della Roma non tremano, possono persino distrarsi, bere un caffè in area o leggere il giornale. Sanno pure che Insigne, Hamsik e Callejon non lo cercheranno, i tre cercano ormai il gol personale. Né sono puntuali gli accordi: la palla arriva dove lui è lontano, colpa sua o intesa scadente? Per Sarri l’analisi è più ampia. In Italia il suo Napoli non ha perso solo ieri, ma ha realizzato appena un punto su 9 ( pari con il Genoa) nei confronti con chi studia gli avversari: Juric, Gasperini, Spalletti. La Roma non rischia quasi mai, aspetta e rispetta il Napoli al punto da bloccarne nei punti vitali. Sulla destra ostruisce la temibile “catena di sinistra” piazzando un ambivalente Florenzi, pronto a chiudere Insigne con Manolas, lo stesso Florenzi scivola in avanti, rafforzando la linea mediana e vietando con l’insidioso Salah le scorribande di Ghoulam. Una fatica mostruosa. La difesa intanto accetta l’uno-contro-uno: Manolas su Insigne, Fazio per Gabbiadini, Juan Jesus in attesa di Callejon. Non finisce qui. Nainggolan soffoca Jorginho da tempo già in affanno, Paredes dà libertà a Hamsik solo fino alla trequarti, Perotti a sinistra impegna Allan e Hysaj. Inferiore per fisicità, al Napoli basta sentirsi bello. Gioca, gioca e non conclude. Basta un eccesso di vanità di Koulibaly per finire nelle fauci di Salah e Dzeko. La storia del bel gioco è il più perfido degli inganni.

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Ciro Novellino

Nato a Castellammare di Stabia, il 24 aprile 1984, è un giornalista pubblicista iscritto all'albo dei pubblicisti della Campania e all'Ordine Nazionale dei Giornalisti di Roma. Diplomatosi al Liceo Classico di Castellammare di Stabia ha conseguito la Laurea in Cultura e Amministrazione dei Beni Culturali prima e quella Magistrale in Archeologia e Storia dell'Arte poi, presso l'Università degli studi di Napoli 'Federico II'. Esercita la professione di giornalista da diversi anni con collaborazioni legate a Tuttojuvestabia, Calcio Napoletano e IlNapolionline. Prima ancora è stato redattore di CalcioNapoli24, alfredopedulla.com ed è attualmente caporedattore di Vivicentro.it e responsabile della pagina sportiva della SSC Napoli sullo stesso giornale. Grande appassionato di calcio, presenta da diversi anni anche un programma radiofonico, L'Orda Azzurra, su Vivi Radio Web

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie