I NOSTRI MAIN SPONSOR

SSC Napoli - primo piano

Champions, Sarri: “La pressione sarà tutta su di loro. Compito proibitivo ma ce la giocheremo”

Maurizio Sarri ha parlato in conferenza stampa alla vigilia del ritorno degli ottavi di Champions League contro il Real Madrid:

 
“Tutta la squadra è unita per un obbiettivo comune. Discorso con De Laurentiis? E’ inutile parlarne. Un incontro di 30 minuti in cui abbiamo parlato maggiormente di cinema, gli ho preparato una sceneggiatura. Si è parlato trenta secondi di calcio, non vedo perché non ci debba essere convergenze sugli obbiettivi. Sarà il Real a essere sotto pressione, sono loro i campioni d’ Europa e del mondo e la squadra più ricca. Noi abbiamo la tifoseria campione del mondo e domani lo vedrà tutta l’ Europa. Tenteremo di fargli girare un po’ i coglioni ma segnano da 46 gare consecutive”
Serve un colpo di genio per batterli?
“Speriamo che il genio non sia andato tutto nella sceneggiatura (Ride ndr). Sarà una partita difficile perché hanno grandi qualità tecniche e fisiche. L’ aspetto più importante è quello della fase difensiva. Anche se saremo perfetti sotto questo aspetto possono venire fuori le loro qualità offensive. In avanti possiamo avere le nostre opportunità ma si parte da uno svantaggio di due gol. Se pure le possibilità sono minime ci sono e noi proveremo a giocarcela”.
Su Mertens:
“Sembra sia stato solo un inizio di crampi. Tutti sono comunque da valutare tra oggi e domani vista la serie di partite così importanti che non era mai capitata e nessuno. Non voglio fare polemiche ma qualcosa si poteva fare. Si sapeva da tempo che Napoli e Juventus potevano essere agli ottavi e non è stata presa nella giusta considerazione. Mertens non è uscito con un problema muscolare e sarà a disposizione”.
Sul match di Roma:
“Abbiamo fatto bene per 86 minuti poi un rinvio sbagliato ha creato il panico. L’ applicazione era stata buona anche nel primo tempo a Torino prima di farci travolgere dal corso degli eventi. Aver vinto il girone e poter giocare contro il Real è comunque un successo. E’ chiaro che questo tipo di gare dovrebbero diventare abituali per noi”.
Ha pensato a qualcosa in particolare per arginare l’ avversario?
“Avevo pensato di giocare con un uomo in più ma non è possibile. Quando una squadra è forte, è forte. La loro qualità tecnica è difficile da arginare. si potrebbe dire che all’ andata i nostri attaccanti non hanno portato la giusta pressione in certi momenti. Mettere pressioni a questi calciatori di qualità risulta sempre complicato. Importante sarà la prestazione complessiva. Non possiamo concentrarci difensivamente sul singolo uomo. Se le marcature a uomo funzionassero allora calciatori come Maradona e Platini non sarebbero diventati grandi. Sappiamo che sarà un compito proibitivo”
Su Rog:
“Domani il confine di essere tra gli undici o in tribuna è sottile. Rog ha fatto un percorso, da dicembre è stato inserito gradualmente. Quando è entrato appieno ha dimostrato il suo valore. E’ tenuto in considerazione ma tutto dipenderà dagli ultimi allenamenti”.
Il Napoli con la Roma ha perso palloni sanguinosi davanti all’area, può essere questo il  punto debole?

“La Roma ha avuto palle gol solo dall’ 86′ in poi. Sono dei rischi per prenderci dei vantaggi, se esci dalla pressione poi trovi spazi, sono dei rischi quando davanti hai attaccanti veloci. Lo stesso rischio che correremo domani, dovremo uscire dalla nostra pressione, all’andata ci siamo riusciti solo ogni tanto”.
Il Real è il club più ricco e vincente, come pensi di fargli girare le scatole?

“Loro sono abituati alle grandi partite ed a condizioni ambientali non semplici. L’ambiente deve servire a noi, non per influenzare loro che sono abituati. Quello che conta è ciò che si trasmette sul campo, con l’anima. A loro non mette mai timore il casino, l’unica cosa che può dargli timore è vedere gli occhi dell’avversario di chi vuole dare tutto”.

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale