Serie B

V. LANCIANO-­SPEZIA 0­-0, CON UN OTTIMA PROVA FRENTANA

Una Virtus Lanciano piuttosto tonica, ferma a tre la striscia consecutiva di vittorie dello Spezia, fermato sul punteggio di 0­0 al “Biondi”, al termine di una gara dove i frentani hanno tenuto ampiamente testa agli ambiziosi avversari, in difficoltà nella prima frazione, ma più pimpanti nella seconda. I frentani salgono a quota 6 punti, mentre i liguri raggiungono quota 11.

LA CRONACA

­Dopo la sconfitta di Modena, la Virtus Lanciano cerca un pronto riscatto interno contro il lanciatissimo Spezia di Bjelica reduce da tre vittorie consecutive. D’Aversa propone il suo solito 4­3­3, con un tridente assolutamente inedito. Quello composto da Di Matteo­Ferrari­ Di Francesco.

Modulo speculare per la squadra guidata da Bjelica. Al trio formato da Calaiò­Situm-Catellani, il compito di pungere la difesa frentana. Arbitra Baracani di Firenze.

Pronti, via, e subito Ferrari scalda le mani di Chichizola con un tiro da fuori area. Ancora Lanciano al 6′, con Mammarella da fuori area, ma il tiro si perde sul fondo. Al 10′ ancora Mammarella su corner, Chichizola si lascia sfuggire per un secondo la palla, e per poco non ne approfitta Aquilanti. Ottimo avvio frentano, con i liguri in leggero affanno.

Al 22′ occasione d’oro per lo Spezia, con Brezovec che si libera bene in area, e trova una conclusione da fuori area che si stampa sul palo.

Al 27′ incursione sulla destra da parte di Di Matteo, cross preciso per la testa di Ferrari, para Chicizola.

Al 28′, sempre Ferrari, cestina una clamorosa occasione da rete, dopo essersi trovato tutto solo davanti al portiere ligure. Ottima Virtus e Spezia sempre più in difficoltà.

Al 43′ occasione offensiva molto ben orchestrata dallo Spezia, finalizzata da Canadija, che da zero metri cerca il terzo tempo vincente, ma Casadei si salva d’istinto. Il primo tempo si chiude con il risultato di 0­0, con i liguri che hanno chiuso la prima frazione in crescendo.

Inizio di ripresa dai ritmi piuttosto blandi.

Si vede lo Spezia al 55′ con Martic, il cui tiro da distanza siderale, è completamente fuori bersaglio. Al 69′ episodio da rivedere in area frentana:

Calaiò viene trattenuto in area da Aquilanti, cade, ma per l’arbitro tutto regolare. Vibranti le proteste liguri, con Catellani che ne fa le spese rimediando un’ammonizione.

Al 75′ Ottimo assist per Ferrari da parte di Zè Eduardo, ma il portiere ligure si salva ancora.

All’89’ Crecco tenta il tiro da lontano, ma la conclusione è completamente sbagliata. nei 5′ di recupero decretati dall’arbitro, non succede nulla. Al “Guido Biondi” di Lanciano finisce con il risultato di V. Lanciano­Spezia 0­ 0.

VIRTUS LANCIANO 4-­3-­3 Casadei, Pucino, Aquilanti, Amenta, Mammarella, Zè Eduardo, Bacinovic (dall’80’ Paghera), Di Cecco, Di Matteo (dal 70′ Crecco), Di Francesco, Ferrari (dall’84’ Padovan).

All. R. D’Aversa.

SPEZIA 4­-3-­3 Chichizola, Migliore, Postigo, Terzi, Martic, Canadija (dall’89’ Errasti), Juande, Brezovec, Situm, Calaiò (Nenè), Catellani (dal 78′ Kvrzic).

All. N. Bjelica.

ARBITRO: Baracani di Firenze

 

AMMONITI: Brezovec, Postigo, Di Cecco, Catellani, Martic

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie