I NOSTRI MAIN SPONSOR

Roma - news

Roma, c’è un caso De Rossi? Ecco i numeri di Capitan Futuro nel 2016/2017

NOTIZIE AS ROMA – Ancora 72 giorni di De Rossi alla Roma: il contratto del centrocampista di Ostia scade nel prossimo 30 giugno e ad oggi il rinnovo non c’è ancora stato. Pura formalità? Così dovrebbe essere ma le voci di corridoio riportano di un giocatore che vorrebbe firmare un biennale con la società giallorossa la quale sarebbe invece disposta a prolungare l’accordo di un solo anno. Diversità superabili, si auspica. Spalletti, però, in occasione della conferenza stampa pre Roma-Atalanta ha parlato dell’importanza di questo contratto consigliando alla Roma di evitare un nuovo caso Pirlo: “Quello di De Rossi è un contratto importante. Se non hai quel tipo di calciatore lo devi cercare fuori e lo paghi tanto, si corre il rischio del pentimento che hanno avuto al Milan con l’addio di Pirlo. De Rossi può fare ancora campionati importanti, queste sono cose fondamentali per dare seguito ad una società” ha detto il tecnico toscano, provocando un certo allarme tra i tifosi. Insomma, il mister è convinto che Daniele possa dare ancora tanto a questa squadra, forse perché sorpreso dal rendimento nella stagione in corso di un calciatore che compirà 34 anni il prossimo 24 luglio. Andiamo a vedere un po’ di numeri di questo 2016/2017: 35 presenze totali per De Rossi (26 in campionato, 6 in Europa League, 2 nelle qualificazioni Champions contro il Porto ed una in Coppa Italia) con 2561 minuti giocati tra tutte le competizioni (1912 in campionato, 429 in Europa League, 130 in Champions e 90 in Coppa Italia), un gol in Europa League il 3 novembre contro l’Austria Vienna, 6 assist (4 in Serie A contro Napoli, Lazio e Fiorentina e 2 in Europa League nella doppia sfida contro il Lione). Per quanto concerne i provvedimenti disciplinari, il mediano ha collezionato 10 ammonizioni (8 in Serie A, una in Champions ed una in Europa League) ed una espulsione nel preliminare di Champions di ritorno contro il Porto. Insomma, si tratta di uno dei centrocampisti più utilizzati dal mister e con Strootman e Nainggolan compone il trittico insostituibile della mediana giallorossa. Finora, in campionato è stato in panchina per scelta tecnica soltanto 2 volte: nella prima uscita dell’anno contro l’Udinese e contro il Crotone il 21 settembre. In Roma-Chievo del 22 dicembre a metterlo fuori è stato un virus influenzale e in Udinese-Roma del girone di ritorno è mancato per squalifica (somma di ammonizioni). In Roma-Empoli dello scorso primo aprile è stato costretto a dare forfait a causa della contusione rimediata in Nazionale nella settimana precedente. Questi dati danno il senso di quanto mister Spalletti si fidi di questo calciatore che ha in Paredes il sostituto naturale. L’argentino, tuttavia, ha spesso deluso quando è stato chiamato a prendersi le chiavi del centrocampo. E infatti, De Rossi è stato sostituito a gara in corso soltanto 8 volte. In tutte queste occasioni, sempre dopo il settantesimo minuto (una sola volta ha passato il testimone ad un compagno al 46′ perché ammonito al 12′ e si tratta della sfida a Torino contro i granata persa per 3-1 il 25 settembre). Questo testimonia che nonostante la carta d’identità il calciatore può ancora considerarsi del tutto integro, anche se fa più fatica rispetto a prima a recuperare dai g
Intanto, Sky Sport ha rilanciato un’indiscrezione secondo la quale sulle sue tracce ci sarebbe il nuovo Milan dei cinesi, che però ad oggi non ha mosso passi ufficiali. Difficilissimo, comunque, che la Roma ceda una delle sue bandiere ad un club concorrente. A meno di scossoni, l’avventura di De Rossi all’ombra del Colosseo dovrebbe continuare per uno o due anni, questo si vedrà.

Claudia Demenica

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale