juvestabia - news

Nicola Massaro: “Al Menti sarà di scena una Fidelis Andria a caccia di punti per non dire addio ai play-off “

nicola massaro

L’intervento del collega Nicola Massaro di TuttoFidelis.it in diretta e in esclusiva 

Nel corso della puntata de “Il Pungiglione Stabiese”, programma radiofonico a cura della nostra redazione sportiva ed in onda su ViviRadioWeb abbiamo avuto come ospite telefonico Nicola Massaro di TuttoFidelis.it che ci ha presentato la Fidelis Andria in vista della partita con le vespe.

Ciao Nicola, parliamo un pò di questo campionato della Fidelis Andria, in maniera netta, è stato un torneo adeguato alle aspettative o si poteva fare di meglio?:

Probabilmente si poteva fare qualcosa in più, però una serie di circostanze hanno un pò limitato, soprattutto nell’ultimo periodo il cammino della squadra di mister Giancarlo Favarin. Parlo principalmente di assenze importanti e probabilmente anche qualche scelta di mercato durante la sessione di Gennaio, fatta in modo del tutto errato.

Guardando il campionato sia della Juve Stabia e sia della Fidelis Andria, possiamo dire che c’è un parallelismo in questo 2017? La Fidelis Andria ha totalizzato 5 punti nelle ultime 4 gare, la Juve Stabia ne ha raccolti 3. Si incontrano due squadre che in questo momento sono incerottate, anche se le Vespe hanno ottenuto la qualificazione ai play-off, mentre la Fidelis invece dovrà ancora guadagnarsi l’accesso alla post season:

Si assolutamente. La Fidelis sta affrontando un momento molto particolare, dopo 4 sconfitte consecutive, è ritornata a conquistare punti. Il match contro il Fondi poteva rappresentare lo slancio definitivo verso i play-off, mentre invece la sconfitta ha un pò ridimensionato la classifica. “La fortuna” del girone C è che ci sarà un posto in più, e attualmente l’Andria nonostante sia undicesima, staziona ancora in zona play-off. Credo che la partita, dal punto di vista agonistico sarà molto intensa perché comunque mancano poche gare e di fatto l’Andria non può sbagliare.

Hai parlato di scelte tecniche da parte di Favarin che non hanno convinto. Il tecnico cosa ha cambiato rispetto alla gara d’andata, visto che la squadra era molto compatta soprattutto in difesa, veloce nei contropiede, e proprio contro la Juve Stabia vinse in merito ad un’azione di ripartenza riuscendo a segnare il gol del definitivo 2-1:

Più che di scelte errate da parte del mister, reputo che ci siano state scelte errate durante la sessione invernale di calciomercato. Da parte della dirigenza non è arrivato un centrocampista ideale da poter sostituire Piccinni che, fin quando giocava, rappresentava il perno del centrocampo. Sostanzialmente l’Andria in questa fase di stagione non riesce ad avere continuità, la sua forza che era la compattezza e soprattutto la solidità in difesa, in queste ultime gare, sta venendo meno. Proprio nell’ultima gara contro il Fondi, la squadra ha subito gol nato da un contropiede. Quindi diventa anche un pò difficile gestire il campionato perché gli episodi stanno condizionando questa parte della stagione, come anche le tante distrazioni difensive. L’Andria contro il Fondi, fino all’azione da cui poi è scaturito il gol del momentaneo svantaggio, aveva in pratica dominato e costruito tante azioni da gol.

Ci puoi comunicare se ci sono infortunati, indisponibili e squalificati in vista della partita contro la Juve Stabia: Attualmente non ci sono novità dal campo di allenamento, molto spesso chi ha giocato la partita precedente, svolge un lavoro diverso dal resto della squadra. Nell’ultima gara sono mancati Croce per squalifica, che adesso rientrerà contro la Juve Stabia, mentre per infortunio non hanno giocato capitan Aia difensore centrale, il mediano Piccinni e l’attaccante Cianci. Aya e Cianci hanno più possibilità di recuperare in vista di questa sfida. Per Piccinni bisognerà anche capire la condizione atletica, in quanto è stato fuori  in seguito ad un problema al polpaccio per diversi mesi, per cui bisogna anche considerare che probabilmente non è al top della forma e quindi difficilmente mister Favarin, se dovesse recuperarlo, lo farà giocare dal primo minuto.

Il pubblico come sta vivendo questo campionato, all’andata vi era grande entusiasmo in quanto la squadra navigava nei quartieri alti di classifica con una buona serie di risultati utili consecutivi. Ora com’è la situazione, il pubblico sta vicino alla squadra o si respira aria di contestazione?

In alcuni frangenti ci sono stati momenti di contestazione, poi probabilmente si è capito che bisogna stare più vicini alla squadra. La contestazione è stata sempre nei confronti della squadra, alla quale in alcune circostanze gli è stato chiesto più impegno. Critiche anche all’indirizzo del direttore sportivo. Come vi ho accennato, il mercato di riparazione non è stato del tutto esaltante.

A tre giornate dalla fine ci puoi tracciare un bilancio in merito al calciatore che ha deluso di più secondo te, e chi invece è andato oltre le aspettative della dirigenza e del pubblico?

Forse in questo momento reputo sia più semplice puntare il dito nei confronti di chi ha deluso un pò di più rispetto al girone di andata. C’erano grandi aspettative un pò su tutti per quanto fatto vedere nella prima parte del campionato, questa era una squadra che poteva sicuramente fare di più. Soprattutto gli infortuni hanno ridimensionato notevolmente la rosa, e ciò ha sicuramente influito al di là del mercato di Gennaio. Il calciatore che poteva dare di più? Sicuramente l’attaccante Cruz per ciò che ha mostrato nel girone di andata, calciatore che è tornato non in forma ad Andria dopo Gennaio, e mister Favarin l’ha relegato da parte con l’arrivo di Croce, e da lì si è “spento” vistosamente.

RIPRODUZIONE RISERVATA

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie