I NOSTRI MAIN SPONSOR

juvestabia - editoriale

EDITORIALE – Foggia vs Juve Stabia la parola d’ordine è stata: contraddizione

Juve Stabia vs Reggina Lega Pro Calcio Castellammare Marotta Ripa Bangu De Vito Leonetti Zeman Fontana (72)

Il match che la Juve Stabia ha giocato ieri allo Zaccheria di Foggia è la sintesi perfetta del momento non certo facile che stanno vivendo gli uomini di Fontana. La gara è stata contraddittoria così come di contraddizioni è fatta la stagione delle Vespe. Sì, contraddittoria e spieghiamo il perché.

Alla vigilia della gara contro il Foggia anche i tifosi più ottimisti guardavano alla gara con obiettività e con la consapevolezza che gli uomini di Stroppa fossero nettamente più in forma ed in palla rispetto alla squadra di Fontana. Il punteggio e l’andamento del match hanno dato invece risposte differenti, con i gialloblù sconfitti con il minimo scarto e sulla base di un rigore non del tutto cristallino. Poche sono inoltre state le palle gol effettivamente pericolose del Foggia.
Se il risultato non è stato “tragico” come molti pensavano, la prestazione delle Vespe è stata invece grigia. Nessuno spunto, nessun cambio di ritmo, nessuna idea da parte della Juve Stabia, apparsa come una squadra monocorde per tutti i 90 minuti. Una squadra che ha giocato con così poca fame che avrebbe potuto subire un passivo nettamente maggiore.

Le contraddizioni non finiscono certo qui ma hanno ad oggetto anche singole scelte di Fontana. Ripa e Marotta, ad esempio, ne sono l’emblea; Spider, nonostante sia il miglior marcatore delle Vespe e venisse dalla rete contro la Reggina, è stato relegato in panca per tutti i 90 minuti. Nemmeno l’assalto finale delle Vespe ha potuto contare sul bomber. Stesse considerazioni per Marotta: l’unico che nelle ultime due gare ha acceso la luce, con un assist e due reti all’attivo, è subentrato solo nella ripresa, dimostrando con la sua vivacità come sarebbe stato più giusto vederlo in campo dall’inizio.
Ancora, la contraddizione sta nel non aver visto in campo dall’inizio Liviero, calciatore in grado di fare la differenza nel suo ruolo; al suo posto Fontana ha preferito schierare un calciatore fuori ruolo, Lisi, disastroso ma non certo per colpa sua.

Contraddittorio è vedere steccare gli uomini che dovrebbero far fare il salto di qualità e dare tranquillità alla squadra. Il riferimento è a Morero e Santacroce, tra i più deludenti a Foggia. Delusione decisamente costante ormai quella che circonda le prestazioni del difensore argentino.

Le contraddizioni gialloblù sono forse le cause del tracollo degli ultimi mesi e non fanno altro che aumentare i rimpianti. Se solo si fosse mantenuta una normale continuità, non necessariamente da squadra schiacciasassi ma nemmeno da media retrocessione, ora il treno promozione sarebbe ancora a portata di mano. A questo punto conta guardarsi le spalle e mettere il massimo impegno nel nuovo campionato delle Vespe, quello per la conquista del terzo posto.

Raffaele Izzo

Print Friendly, PDF & Email

In merito all'autore

Raffaele Izzo

Ciao a tutti! Sono nato il 20/10/1989 e, dopo aver frequentato il Liceo Classico di Castellammare, mi sono laureato l'8/10/2013 in Giurisprudenza presso l'Università degli Studi di Napoli Federico II. Attualmente lavoro come avvocato presso due studi legali, uno di diritto civile ed uno di diritto penale, di Gragnano e Castellammare.

Grazie a ViViCentro ho avuto la possibilità di coniugare le mie passioni per la Juve Stabia e per il giornalismo. Seguo infatti dal primo gennaio 2013 per questo giornale on line le Vespe, analizzando i match ne "Il Podio Gialloblù", con l'editoriale di inizio settimana, con la rubrica "Sotto la Lente" e con articoli quotidiani di avvicinamento alla partita del fine settimana. Per ViViCentro scrivo anche di cronaca, eventi ed attualità. Sono iscritto da giugno 2016 all'Ordine dei Giornalisti Pubblicisti.
Ciao a tutti e forza Juve Stabia!

Aggiungi un commento

Clicca qui per commentare

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale