juvestabia - comunicati ufficiali

Fidelis Andria – Juve Stabia , parte la prevendita

Juve Stabia vs Reggina
​Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale dell opera, in ogni forma e con ogni mezzo in assenza della menzione della fonte.
                                                                   Comunicati Juve Stabia

S.S. Juve Stabia rende noto che sono disponibili, come da vigente normativa, ESCLUSIVAMENTE per i possessori della Tessera del Tifoso*, i tagliandi di ingresso del Settore Ospiti dello Stadio “Degli Ulivi” di Andria per assistere all’incontro di calcio Fidelis Andria-Juve Stabia, in programma sabato 2 aprile alle ore 15,00 e valevole per la 29a giornata del Girone C della Lega Pro Divisione Unica 2015/16.

La S.S. Fidelis Andria, nel rispetto delle direttive ministeriali, NON HA ADERITO al progetto “Porta un amico allo stadio”.

I biglietti sono in vendita al prezzo di € 12.00, più diritti di prevendita, fino alle ore 19,00 di venerdì 1 aprile, presso le rivendite del circuito Booking Show. A Castellammare di Stabia punto vendita abilitato presso:

TICKETPOINT di Amoroso Giuseppina , Corso Alcide de Gasperi 32

S.S. Juve Stabia

vivicentro.it-juvestabia / Fidelis Andria-Juve Stabia, parte la prevendita

  • Tessera del Tifoso

La tessera del tifoso è uno strumento di fidelizzazione adottato dalle società di calcio italiane, dopo l’emanazione, il 14 agosto 2009, di una direttiva del Ministro dell’Interno del quarto Governo Berlusconi, Roberto Maroni, in cui si prevedono verifiche della Questura al fine di identificare i tifosi di una squadra calcistica o della Nazionale di calcio dell’Italia.
In un primo momento si era pensato di attivare la tessera in maniera graduale, cominciando dalla stagione 2009-2010 e rendendola obbligatoria per le trasferte solo dal 1º gennaio 2010, dando così il tempo alle società di adeguarsi. All’inizio della stagione 2009-2010 solo due squadre erano dotate della tessera, l’Inter e il Milan (che però non aveva inserito la foto nella tessera come previsto dalla normativa). Tra le altre, solo la Juventus era pronta a dare il via. Quindi, vista la situazione, le società hanno chiesto il rinvio alla stagione successiva.

Il 21 novembre 2009 il Ministro Maroni accoglie la richiesta delle società di perfezionare l’iniziativa rispondendo alle esigenze dei club: proroga, quindi, l’avvio della normativa fino all’inizio della stagione agonistica 2010-2011, così da avere l’adesione di tutte le società. Il 30 luglio 2010 Maroni ha firmato un protocollo d’intesa con Ferrovie dello Stato e Autogrill Spa per promuovere la tessera del tifoso, al fine di procurare agevolazione ai tifosi che si sposteranno per raggiungere il luogo dell’incontro con uno sconto del 15% sul costo del biglietto ferroviario del 10% per le consumazioni nei ristoranti “Ciao”.

Il 24 agosto 2010 il quotidiano napoletano Il Mattino lancia l’allarme sulle “tessere false” ma la notizia viene smentita dal questore. Il 25 agosto 2010 un intervento del ministro Maroni alla Berghèm Fest viene duramente contestato da 500 ultras dell’Atalanta contrari alla tessera. All’indomani della prima giornata del campionato di Serie A 2010-2011, Maurizio Beretta, presidente della Lega Serie A, ha dichiarato che «non abbiamo assolutamente motivi per essere insoddisfatti». Vanno al contrario segnalati alcuni problemi, su tutti il ritardo nella consegna della card, nelle prime giornate di campionato: vengono infatti accettati anche i tifosi privi della tessera ma in possesso di un documento che ne certifichi l’avvenuta richiesta

Durante le prime partite, in più di un’occasione si segnalano tifosi ospiti che si recano allo stadio senza tessera del tifoso e che vengono fatti accomodare in tribuna in mezzo al pubblico di casa con un cordone di steward, creando, in alcune occasioni, scontri. Dopo Udinese-Genoa con i tifosi ospiti in tribuna l’Udinese sceglie di creare un settore ospiti “aggiunto” per chi non è dotato di tessera del tifoso.

Alcune partite vengono giocate comunque a porte chiuse negando l’accesso anche agli abbonati e a chi ha sottoscritto la tessera del tifoso, venendo a meno a una delle premesse della tessera. Il 21 giugno 2011, al Ministero dell’Interno, viene firmato il Protocollo d’Intesa tra il ministro Roberto Maroni e i presidenti di CONI, FIGC, Serie A, Serie B e Lega Pro che introduce una serie di novità nell’applicazione della Tessera del Tifoso:

  • Trasferte e abbonamenti riservati unicamente ai possessori della Tessera del Tifoso;
    Riqualificazione e ammodernamento dei settori riservati ai tifosi ospiti;
    Apertura di un tavolo di confronto tra l’Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive e rappresentanti delle tifoserie organizzate.

Modalità di rilascio
Nella quasi totalità dei casi è rilasciata dalle banche o dal circuito Lottomatica. La smart card, oltre a costituire titolo di accesso allo stadio, è una carta di credito ricaricabile con una validità di 5 anni. Il 14 dicembre 2011 è stata dichiarato illegittimo l’abbinamento della tessera con l’acquisto di carte di credito elettroniche, proposte da alcune società, tramite una pronuncia del Consiglio di Stato che ha accolto il ricorso del Codacons

In alcuni casi è rilasciata direttamente dalle società calcistiche. La tessera non ha un costo fisso: è generalmente gratuita per gli abbonati o per coloro che l’hanno richiesta entro un certo tempo utile, mentre ha un prezzo di 10 euro per i non abbonati e per coloro che decidono di sottoscriverla in un qualsiasi momento.

Print Friendly, PDF & Email
​Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale dell opera, in ogni forma e con ogni mezzo in assenza della menzione della fonte.

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale