Basket

A1 Femminile. Battipaglia ko solo nel finale a Torino

Solo accarezzata, solo immaginata. La vittoria, infatti, non diventa realtà per la Treofan Battipaglia nello scontro salvezza in casa della Fixi Piramis Torino.

Alla vigilia è risaputa l’importanza della posta in palio ed inevitabilmente la tensione ad inizio partita fa brutti scherzi ad entrambe le squadre. Dopo una lunga serie di errori di qualsiasi genere, che significano anche tanti falli fischiati, al 3’ arriva finalmente il primo canestro dal campo con Bruner. Punti che non rendono più bella la partita ma che almeno servono per scuotere gli attacchi, con quello di Battipaglia che inizia a rodare per merito dell’ex Sotiriou e di Verona che esce dalla panchina con il piglio giusto. I quattro punti della greca ed i quattro dell’italiana servono per costruire il primo vantaggio (6-9 al 7’), che diventa +6 con la tripla della solita Sotiriou e poi +8 per merito di Andrè. A tutto questo, poi, bisogna aggiungere il lavoro difensivo della scheggia impazzita Vella che crea più di qualche problema alle bocche di fuoco piemontesi. Al 12’40”, invece, entra in partita anche Brooque Williams, il suo primo canestro a cronometro in movimento vale il +10 per la Treofan ed il time-out obbligatorio per la Fixi. Ma l’interruzione non basta alle padroni di casa, perché le lady di Riga arrivano anche sul 15-29 con l’appoggio al tabellone di Hamilton-Carter. Tutto sembra funzionare alla perfezione, ma proprio nel momento del definitivo allungo qualcosa si inceppa nei meccanismi biancoarancio. Le diverse palle perse iniziano a pesare, mentre la difesa allungata di Torino ed i canestri in transizione di Quarta e Bruner rimettono tutto in discussione (27-31 all’intervallo).

Esattamente quello che accade anche ad inizio ripresa, e questa volta significa anche sorpasso per la Fixi (parziale di 8-0 e 34-31). La storia della partita è ormai cambiata ed ogni possesso significa sorpasso o controsorpasso, come quello che permette a Trimboli di realizzare in transizione però la tripla del 40 pari. Sempre un canestro dall’arco, anzi due nel giro di un minuto, ma questa volta di Bocchetti scrivono il 52-48 al 32’ sul tabellone luminoso. E’ il momento del perimetro, da dove colpisce anche Verona per una nuova parità (52-52). Che questa volta, però, dura poco. Perchè Bruner sale di giri e trascina la sua squadra sul 60-52, ma letale è la “bomba” dall’angolo di Quarta che fa sprofondare la Treofan fino al -11. Al Pala Einaudi finisce 69-60.

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie