I NOSTRI MAIN SPONSOR

Nord - terza pagina

Mostra di Oscar Di Prata a Lograto (BS): ”Tra i drammi e le utopie del Novecento”

Lettere al direttore

La mostra in omaggio a Oscar Di Prata nasce da un sogno  e da un grappolo di disponibilità generose che sono rappresentate, prima di tutto, dall’Amministrazione comunale di Lograto e, in particolare, dal sindaco Gianandrea Telò e dal vicesindaco, assessore alla cultura, Valeria Belli, che mi hanno invitato a curare questa  mostra all’interno del percorso artistico sull’arte contemporanea  mettendo a disposizione un’ambientazione prestigiosa. Mi sono stati di incoraggiamento anche l’entusiasmo e la preziosa collaborazione di alcuni collezionisti che hanno offerto in prestito le loro opere al fine di consentire un itinerario rivelatore delle diverse fasi creative e stilistiche espresse dall’artista.

Il sogno è subito narrato. Qualche tempo fa sognai l’amico Oscar. Percorrevo la strada che conduceva alla sua abitazione sulle pendici della Maddalena. Mi apparivano subito  la recinzione e il cancellino dipinti d’azzurro che segnano il confine del suo giardino. Attraversavo il piccolo parco denso di cinguettii, salivo i gradini che conducono all’ingresso della sua abitazione ed entravo in casa. Ed ecco venirmi incontro  Eros, la sposa dell’artista, che, con un sorriso, mi diceva come al solito: “E’ di sopra, sta dipingendo, ti aspetta”. Salivo le scale ed eccomi nello studio dell’artista. Oscar era al cavalletto e stava dipingendo. Il pennello che impugnava correva lievemente sulla tela accarezzandola. La luce estenuata del tramonto, entrando dalle numerose finestre, irrorava la sua figura avvolgendola. Mentre lo osservavo dicevo tra me e me: “Ma come è possibile? Ero convinto che fosse morto, ero andato al suo funerale e in chiesa avevo anche pronunciato il saluto commemorativo di commiato, com’è possibile che, invece, sia qui e stia dipingendo!? Eppure è qui, la realtà è questa- mi dicevo. Sono stato sciocco a credere che fosse morto e non tornare a fargli visita in tutti questi anni.

In realtà, il mio colloquio con lui non si è mai interrotto perché lo sento sempre accanto in un bisogno di cuore e in un giacimento di presagi. E neppure il mio lavoro di studio e di esplorazione della sua vita nell’arte non è mai stato sospeso, come testimoniano le numerose pubblicazioni e saggi che gli ho dedicato

Del resto, il tempo, nel suo incessante scorrere, non riesce a sommergere nell’oblio la memoria di coloro che abbiamo amato. E i ricordi  non possono che affiorare continuamente dall’emozione che scaturisce da un orizzonte di antica amicizia. E, a maggior ragione, quando il rapporto d’affetto si è ancorato in profondità alimentandosi di riflessioni e  ricerche di senso che legano la creatività all’esistenza, l’arte alla vita, il sogno alla realtà, le cromie alle parole. 

Il sogno mi ha anche ricordato che  Oscar  aborriva il termine “morte, al suo posto prediligeva “trapasso perché implica la continuazione della vita lungo un differente percorso successivo al decesso della cui esistenza era convinto, illuminato da una fede intensa e vissuta anche  attraverso l’empito artistico, come testimoniano i numerosissimi affreschi, cartoni per mosaici e vetrate realizzati in santuari, chiese, santelle ed edicole, canoniche, oratori e ambienti privati

Altrettanto imponente è stata la sua produzione pittorica di dipinti che ha realizzato persino durante la sua prigionia in India, alle pendici dell’Himalaya, dopo essere caduto prigioniero degli Inglesi, a seguito di aspri combattimenti, nel deserto della Sirte nella seconda metà del 1941.

Il pittore Oscar di Prata con la sua attività creativa ha attraversato tutto il secolo scorso costituendo un prezioso ed imprescindibile riferimento non solo per il mondo artistico, ma anche per la società in generale per la tensione morale delle sue opere ed i valori che testimoniava nella vita di tutti i giorni: mitezza, bontà, accettazione e ascolto dell’altro, fede nel trascendente.

Con la sua pittura ha esplorato in profondità sentimenti ed emozioni in cui il gusto estetico si è condensato e raggrumato in valore morale.  La problematica condizione dell’uomo è stata narrata con empito gestuale attraverso ritmi compositivi aperti ai più diversi versanti artistici, reinterpretati in modo originale con autentica libertà creativa. Le sue riflessioni pittoriche continuano a mantenere viva attualità sia come la denuncia del ghigno del potere quando diviene prevaricante sul debole e l’oppresso che come solidale abbraccio pietoso del ferito, dell’oltraggiato vittima del sopruso e della violenza. E, nel contempo, appare emergere  inesplicabile l’atmosfera di misericordia nella stretta compassionevole che cinge sia la vittima incolpevole che il carnefice che non sa quello che fa, altrimenti non lo farebbe. 

Nelle sue tele, spesso, si ha la sensazione di trovarsi di fronte all’immenso che ci avvolge. Il pittore, diceva in sintesi, si sente investito da questo “immenso che ci avvolge” e cerca di esprimerlo riportandolo attraverso l’immagine. E l’immenso lo si può percepire ovunque perché è costituito da tutte quelle suggestioni che permettono di intravedere il mistero. Per Oscar di Prata la sensazione dell’immenso scaturiva continuamente dal ricordo  del deserto dove ha vissuto l’esperienza tragica della seconda guerra mondiale; un deserto inteso non soltanto come luogo geografico, ma soprattutto come evento interiore. E forse, anche per questo, le sue opere trasmettono profonda emozione. I suoi dipinti sono testimonianza della sua autenticità di uomo e di artista perché se si cercano i rapporti misteriosi che  legano tra di loro le cose e le situazioni, che si intrecciano con le sensazioni che si provano, la prima regola è essere se stessi. Ed ecco i suoi dipinti come luogo dove trovare il cuore delle cose, ma soprattutto il cuore dell’uomo nel mistero in cui è avvolto. 

La mostra si apre con un autoritratto degli anni Trenta e si chiude con alcune tele dipinte agli inizi del Duemila quando la figurazione tende a trasformarsi in soave canto cromatico, forse nel presagio dell’oltre. Si tratta di una quarantina di opere che, pur nell’esiguità del numero rispetto alla vasta produzione dell’artista, rappresentano un compendio, uno spiraglio che consente di affacciarsi sulla complessità della sua attività artistica.

Nel passato la critica ne ha indicato le ascendenze artistiche anche in Francisco José de Goya y Lucientes per la tragicità soprattutto delle fucilazioni, Marc Chagall per la lirica fantasiosità, Mario Sironi per la forza espressiva Georges Henri Rouault per il suo mettere al centro la figura umana costruita con pennellate vibranti d’empito espressionista. Ma se ne potrebbero citare molti altri come, ad esempio, Jean Louis André Théodore Géricault dal quale molto probabilmente è stato influenzato per i suoi dipinti avente per soggetto le  zattere colme di naufraghi tra i flutti del mare della storia.

I molteplici riferimenti citati, ma ne esistono numerosi altri, testimoniano come Oscar Di Prata sia  stato un uomo di vasta cultura che ha narrato gli umori, le preoccupazioni, le utopie e i drammi del Novecento vivendoli intimamente, mentre coniugava creativamente arte ed umanità con speranza perché i valori positivi possono essere offuscati, ma non sconfitti

La sua pittura continuerà a parlare al cuore dell’uomo.

 Giovanni Quaresmini

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale