Nord - sanità

16/17 ottobre 2015 Brescia celebra la “giornata mondiale del malato reumatico”

Comunicati Stampa

Uniti insieme per azionare la leva del cambiamento

Le associazioni di volontariato intendono celebrare la giornata mondiale dell’artrite organizzando a Brescia il 16 e 17 ottobre una iniziativa di sensibilizzazione e confronto sul tema dei Percorsi Diagnostico Terapeutico Assistenziali delle poliartriti.

Lo slogan della giornata mondiale dell’artrite 2015 è un invito all’autoaiuto.

Le mani sono il simbolo della sofferenza e della limitazione funzionale dei malati di artrite. Se le mani di una sola persona possono fare poco, le mani di molte persone, anche se artritiche, possono insieme azionare la leva del cambiamento: per ritrovare la motivazione ad adottare salutari stili di vita; per ridurre la sofferenza che, si sa, è più forte in solitudine; per sostenere i medici e le istituzioni a disegnare percorsi di diagnosi e terapia che siano sostenibili, ma anche finalizzati al sostegno della qualità di vita.

L’artrite caratterizza le poliartriti (reumatoide, psoriasica, spondilite), le connettiviti autoimmuni (lupus sistemico, sclerodermia, sjogren) e molte altre malattie reumatiche.

A paradigma si è scelto, per il convegno del pomeriggio del 16 ottobre, il tema del mal di schiena infiammatorio delle spondiloartriti. Queste malattie sono gravate da un notevole ritardo diagnostico e la loro terapia si basa frequentemente, per l’inesistenza di terapie alternative, sull’impiego di farmaci biotecnologici gravati da costi elevati. Le spondiliti evolvono, se non curate, verso l’anchilosi della colonna vertebrale. Spesso il paziente è confuso nella scelta della figura medica di riferimento ed è indotto ad eseguire numerose visite specialistiche ed esami strumentali senza giungere a risolvere, in numerosi casi, il dolore cronico e la perdita di capacità funzionale ed indipendenza.  L’esperienza del “forum bresciano sul mal di schiena” ha messo a confronto tutte le figure mediche che si occupano di questo tema, individuando comportamenti etici e sostenibili per “non far perdere tempo e soldi” al malato.

 

Nella mattinata del 17 ottobre si intende organizzare una “tavola rotonda” per un confronto tra istituzioni regionali, medici e rappresentanti delle associazioni di volontariato sul tema dei PDTA delle poliartriti. Le associazioni dei malati si mettono a disposizione per contribuire a diffondere la cultura della salute, intesa come partecipazione attiva delle persone malate al cambiamento degli stili di vita e alla socializzazione quale baluardo della qualità di vita.

Per quanto detto saremo ospiti del Comune di Brescia che rappresenta l’istituzione che più di tutte può favorire l’autoaiuto dei malati. Da anni a Brescia è attiva la casa per la salute, sede fisica in cui si realizzano le attività complementari alla salute fisica e psicologica delle persone con poliartriti (ginnastica in acqua con fisioterapista; sostegno cognitivo-comportamentale; shiatsu; thai chi; ballo).

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie