Nord - cronaca

TORINO Per paura dell’arresto 49enne si getta dal sesto piano e muore

Aveva aggredito un’amica, si è buttato mentre i carabinieri tentavano di entrare nell’appartamento

Torino, 6 ott. – Avevano passato la notte fumando crack poi all’improvviso un litigio violento. Gli approcci dell’uomo sono stati respinti e lui ha cominciato a minacciare la sua giovane ospite con un coltello, riuscendo anche a ferirla lievemente. Sarebbe questa la ricostruzione delle ultime ore del 49enne morto all’alba a Torino, dopo un volo di sei piani dal suo appartamento.

I Carabinieri hanno sentito la donna che ha trascorso la notte con lui e che era fuggita in strada scalza, dopo essere stata aggredita dalla vittima.

La giovane, in stato confusionale, aveva trovato rifugio in un bar poco lontano, nel quartiere Santa Rita, dove si è consumata la vicenda. E proprio dal bar è partita la telefonata ai Carabinieri.

Mentre i militari assieme ai vigili del fuoco cercavano di entrare nell’appartamento del 49enne, questi, forse in preda al panico, era già sul balcone da dove ha fatto un volo di sei piani che non gli ha lasciato scampo.

Nell’appartamento i Carabinieri non hanno rinvenuto droga, ma una bottiglia per fumare il crack e due coltelli, oggetti che sono stati sequestrati. Mentre è stata la giovane a riferire agli inquirenti che i due avevano consumato della droga. Già in passato i Carabinieri erano intervenuti per sedare delle liti nello stesso appartamento, teatro della tragedia. Aer

Tags

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie