I NOSTRI MAIN SPONSOR

Nord - cronaca

Ravenna chiede 181mila euro di tasse arretrate alla Chiesa

Aula scolastica scuola cattolica
Dopo Ferrara, anche Ravenna, Comune romagnolo alla fine del 2015 è partita la raffica di avvisi di accertamento: pagate l’Ici, cominciando da quella arretrata relativa a tre anni, 2009, 2010 e 2011.  E dalla Curia partono i ricorsi

RAVENNA Anche il Comune di Ravenna, come quello di Ferrara, chiede alla Curia di pagare l’Ici arretrata sulle scuole private. Come si legge sul Corriere di Romagna, l’amministrazione comunale, a fine 2015, ha inviato 42 avvisi di accertamento relativi a 14 delle 16 scuole paritarie della città (due risultano in regola con i pagamenti), per un totale di 181.248 euro: il conto è relativo agli anni 2009, 2010 e 2011. Accertamenti contro i quali la Curia ravennate ha presentato sette ricorsi: due sono ancora pendenti, mentre sugli altri è stato raggiunto un accordo, e l’arcivescovado sta già pagando.

La richiesta di pagamento deriva da una Cassazione del 25 luglio scorso: non importa se le rette delle scuole paritarie consentano a mala pena il pareggio in bilancio, non importa se gli utili siano pari a zero o addirittura il bilancio sia in rosso. È sufficiente la «natura commerciale», ossia che le famiglie paghino una qualsiasi retta. E la scuola deve versare lei e Imu, arretrate, presenti e future.

A Ravenna le scuole paritarie da spremere sono 14 per un totale di oltre 181mila euro, relativi ai tre anni dal 2009 al 2011.1 ricorsi sono partiti immediatamente: su alcuni è stato raggiunto un accordo, altri sono pendenti.

A Ferrara – dove gli accertamenti ammontano a 100 mila euro – l’arcivescovo Luigi Negri ha annunciato ricorsi, e ha anche scritto una lettera di protesta al presidente del Consiglio Matteo Renzi.

vivicentro.it/nord/cronaca –  Ravenna chiede 181mila euro di tasse arretrate alla Chiesa

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Categorie