I NOSTRI MAIN SPONSOR

Politica

Usa 2016, Hillary vince la nomination tra i democratici.

sanders clinton

Hillary Clinton sarà la prima donna a correre per la Casa Bianca: “Momento storico”
Ha raggiunto il numero di delegati e superdelegati. Pressing di Obama su Sanders per il ritiro

HILLARY Clinton ha vinto la nomination democratica. E’ un evento storico: la prima donna che diventa candidata alla Casa Bianca dalla nascita della democrazia americana. E Barack Obama interviene di persona su Bernie Sanders: è ora che ti fai da parte, nell’interesse dei democratici e dell’intero paese. La notizia della vittoria viene lanciata dall’Associated Press alle 22.20 di Washington, poi confermata dalla Cnn mezz’ora dopo. L’ultimo conteggio dei delegati, dopo avere incluso le piccole primarie del weekend (Portorico e Isole Vergini) con l’aggiunta dei superdelegati, dà questo verdetto: Hillary ha superato la fatidica soglia della maggioranza assoluta, i 2.383 delegati necessari perché la convention democratica di luglio a Philadelphia la “incoroni” come candidata alla Casa Bianca.

Ma fino all’ultimo la grande festa di Hillary è turbata da Bernie Sanders. Il senatore del Vermont, che si autodefinisce socialista e non è mai stato iscritto al partito democratico, ha con i suoi “nuovi” compagni di strada un rapporto difficile. Le sue accuse contro Hillary la mettono quasi sullo stesso piano di Donald Trump: da ultimo, la polemica sui fondi esteri affluiti alla fondazione filantropica dei Clinton, riecheggiano le bordate di Trump contro “crooked Hillary” (disonesta). Sanders ha ripetuto per mesi che anche il sistema delle primarie è “rigged” cioè truccato contro di lui. Ce l’ha in particolare coi superdelegati, quelli che non vengono eletti dalla base degli elettori bensì sono parlamentari e governatori, quindi parte dell’establishment. In realtà il vantaggio di Hillary è incolmabile anche a prescindere dai superdelegati. Lei batte Sanders su tutti i fronti: ivi compreso nel numero assoluto di voti espressi dalla base, senza superdelegati.

Sanders fino all’ultimo resiste. Oggi si vota in un altro Supermartedì, l’ultimo, con un maxi-Stato come la California che assegna più di 500 delegati; altro bacino importante di voti è il New Jersey. Si credeva che questo martedì sarebbe stato decisivo per consentire a Hillary di superare la soglia dei 2.383 delegati. In realtà è già accaduto prima, come confermato nel conteggio finale dell’Associated Press. Di qui la scesa in campo del presidente, che a tutti gli effetti è il vero leader del partito. Obama ha avuto una lunga conversazione telefonica con Sanders domenica, rivela la Casa Bianca: mezz’ora di “moral susasion”, pressione morale ai fianchi del 74enne senatore del Vermont. Per Obama è essenziale mettere fine alla diatriba lacerante, fare l’unità del partito, per concentrare tutte le energie sulla sfida finale contro Trump che si sta rivelando molto più rischiosa del previsto. Obama potrebbe annunciare il suo “endorsement” alla Clinton in settimana. Tra i due c’è un patto di ferro che risale all’epoca in cui Hillary venne sconfitta nelle primarie del 2008 ma poi accettò lealmente di lavorare per il vincitore, nel ruolo di segretario di Stato.
Obama vuole fare al più presto l’unità del partito anche per recuperare i voti dei giovani che hanno plebiscitato Sanders durante le primarie, e che saranno essenziali a novembre contro Trump. Per il presidente in carica la sfida diventa personale. Trump lo calunniò nel 2012 cavalcando la falsa leggenda sulla sua nascita in Kenya che lo avrebbe reso ineleggibile. E in questa elezione Obama si gioca il suo lascito storico: la vittoria di Trump diventerebbe anche un verdetto negativo sulla sua presidenza.

vivicentro.it/politica – larepubblica/Usa 2016, Hillary vince la nomination tra i democratici. Sarà la prima donna a correre per la Casa Bianca: “Momento storico” FEDERICO RAMPINI

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie