Politica

François Fillon, candidato della destra repubblicana, annuncia: ”Vado avanti, la gente è con me”

François Fillon foto di Thomas Bresson
François Fillon (foto di Thomas Bresson)
Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale dell opera, in ogni forma e con ogni mezzo in assenza della menzione della fonte.

Il candidato della destra repubblicana François Fillon, accusato di impieghi fittizi per moglie e figli, raduna migliaia di persone a Parigi e annuncia: «Vado avanti, la gente è con me». Intanto stasera i leader di Francia, Italia, Germania e Spagna saranno a Versailles per un vertice ma, come spiega Stefano Stefanini, «non saranno tanto le riunioni quanto le elezioni in arrivo a determinare il futuro dell’Ue» ed il presidente francese François Hollande, nell’intervista a Marco Zatterin,  ha già espresso il suo parere sul futuro dell’Europa e spiega che «l’Unione deve andare a più velocità oppure sarà la fine» ed afferma che il rilancio della Ue può partire dal summit di Roma per i 60 anni dei Trattati, in particolare «dalla Difesa»

Fillon, prova di forza in piazza: “Vado avanti, la gente è con me”

In migliaia per il candidato della destra: nessuno può dirmi cosa fare. Oggi vertice dei Repubblicani. Juppé pronto a sfilarsi dalla corsa

PARIGI – «Vivere è non rassegnarsi mai»: solo contro tutti nell’avversità, François Fillon, il candidato della Destra travolto dal PenelopeGate, l’accusa di impieghi fittizi a moglie e figli, denuncia una «rapina democratica» e tira avanti da solo, anche a costo di rompere con i suoi. «Nessun ha il potere di togliermi la candidatura, e in ogni caso la risposta è no, non mi ritiro», avverte al tg delle 20 di France 2, dopo che nel pomeriggio è riuscito a portare migliaia di sostenitori in piazza a Parigi. Un’ultima disperata prova di forza prima del cruciale vertice dei Républicains che oggi si riunisce per decidere sul da farsi a meno di due mesi dal voto. Situazione ancora più intricata se come ha scritto ieri in tarda serata «L’Obs» Juppè oggi dirà di «non essere disponibile» a correre per l’Eliseo.

Ieri, nel centro-destra sono continuate le trattative per organizzare una possibile «uscita di scena dignitosa» di Fillon. Lui, che conquistò l’investitura nelle primarie, non ci sta. «Non mi ritiro. Ogni altra candidatura improvvisata condurrebbe al fallimento del centrodestra», avverte. Per i neogollisti la situazione non appare brillante nemmeno nell’attuale configurazione. Secondo un ultimo sondaggio Sofres per «Le Figaro», Fillon crolla al 17% delle intenzioni di voto al primo turno del 23 aprile. Il leader di En Marche, Emmanuel Macron, è al 25% a un punto da Marine Le Pen (26%). Il sondaggio esamina pure l’ipotesi della candidatura di Juppé al posto di Fillon: passerebbe al ballottaggio con il 24,5% dietro a Le Pen (27%), eliminato Macron con il 20%. Scaricato da duecento alleati, addirittura dal direttore della sua campagna elettorale Patrick Stefanini, dopo la convocazione dai giudici il 15 marzo, Fillon è comunque riuscito nella scommessa di riempire la Place du Trocadéro. «Erano duecentomila», esulta in tv. «Non più di 40.000», dice la questura.

Dal palco lui ha fatto subito mea culpa. «Vi devo delle scuse, anche quelle di dover difendere me stesso e mia moglie mentre l’essenziale è difendere il nostro Paese». Tutto intorno migliaia di bandiere bleu-blanc-rouge distribuite gratis a chiunque accedesse alla piazza presidiata dalla Gendarmerie. Nell’incessante apri e chiudi degli ombrelli, la folla – tantissimi i militanti della Manif Pour tous, le associazioni anti-nozze gay – lo osanna mentre lui cita i grandi della Patria, Camus, Voltaire, il Gavroche dei Miserabili che si «rialza sempre». Travolto dall’acquazzone arringa la folla: «Un giorno la giustizia mi riconoscerà innocente e allora i miei accusatori proveranno vergogna, ma sarà troppo tardi».

Poi chiede a tutti di andare avanti, come gli ha chiesto anche la moglie Penelope, al suo fianco, e che ha parlato per la prima volta in un’intervista al Journal du Dimanche. Lavorava realmente in cambio dello stipendio da assistente parlamentare che le passava il marito? «Mi occupavo della corrispondenza insieme con la segretaria, preparavo per lui appunti e schede. Gli facevo anche una specie di rassegna stampa». E intanto su Place de la République andava in scena un’altra manifestazione, con migliaia di militanti schierati in contro Fillon.

vivicentro.it/poitica
vivicentro/François Fillon, candidato della destra repubblicana, annuncia: ”Vado avanti, la gente è con me”
lastampa/Fillon, prova di forza in piazza: “Vado avanti, la gente è con me” PAOLO LEVI – PARIGI

Print Friendly, PDF & Email
Tutti i diritti sono riservati. È vietata la riproduzione anche parziale dell opera, in ogni forma e con ogni mezzo in assenza della menzione della fonte.

Categorie

YouTube

Iscriviti al nostro canale