Cultura

Ebrei romani: il Gran Mufti di Gerusalemme collaborò con Hitler nella Shoah

il Gran Mufti di Gerusalemme collaborò con Hitler nella Shoah

Per gli ebrei romani “è inaccettabile” l’invito a gruppi palestinesi quando proprio il Gran Mufti di Gerusalemme collaborò con Hitler nella Shoah per cui, alla manifestazione dell’Anpi prevista per il 25 aprile prima la Comunità ebraica e poi il Pd annunciano che non parteciperanno.

Il gran Mufti alleato di Hitler contro gli ebrei

Il 25 aprile è la data scelta dall’Italia repubblicana per celebrare la fine dell’occupazione nazifascista e la riconquista delle libertà politiche e civili. Naturale che a festeggiare la ricorrenza siano in primo luogo le associazioni partigiane, seppur ormai trasformate, col passare degli anni, in associazioni politico-culturali. Meno naturale che i dirigenti dell’Anpi ritengano doveroso invitare alle celebrazioni nazionali militanti della resistenza palestinese. Succede ormai da qualche anno: e ogni volta i cortei organizzati per festeggiare la liberazione dal nazismo sono diventati occasione per violente, anche se sparute, contestazioni rivolte contro le rappresentanze delle comunità israelitiche, in particolare contro i pochi superstiti della Brigata ebraica che combatterono sul fronte italiano dopo essere sfuggiti avventurosamente alla morte nei lager. Questa volta, le comunità israelitiche hanno deciso di non partecipare al corteo ufficiale e di manifestare per conto proprio. A loro si sono associati – e questa è una novità – i vertici del Partito democratico.

Difficile dar loro torto. Ognuno è libero di scegliere la resistenza che preferisce, o di esaltare i movimenti di liberazione nazionale nati dalle lotte contro il colonialismo, senza troppo badare alle loro credenziali democratiche. Ma associare i combattenti palestinesi alle celebrazioni ufficiali per la sconfitta del nazifascismo significa commettere un clamoroso errore storico oltre che un atto politicamente inopportuno.

È noto, infatti che negli Anni 30 del Novecento, nella sua (legittima) lotta per l’indipendenza, il nazionalismo arabo cercò e ottenne sostegno nell’Italia fascista. E che il gran Mufti di Gerusalemme Amin al-Husseini, una delle più alte autorità dell’Islam sunnita, fu alleato e amico di Hitler e lo incoraggiò, per quanto era in suo potere, a perseguire sino in fondo il programma di sterminio del popolo ebraico. Non si vede allora che senso abbia invitare gli eredi del nazionalismo arabo a celebrare insieme la sconfitta del nazifascismo, che fu in fondo anche la loro sconfitta. E farlo proprio in un momento in cui piccoli e grandi fuochi di antisemitismo tornano ad accendersi anche in Europa.

vivicentro.it/cultura
vivicentro/Ebrei romani: il Gran Mufti di Gerusalemme collaborò con Hitler nella Shoah
lastampa/Il gran Mufti alleato di Hitler contro gli ebrei GIOVANNI SABBATUCCI

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie