I NOSTRI MAIN SPONSOR

Cronaca

Due milioni di americani in fuga dall’uragano Matthew

Sono circa 2,5 milioni le persone evacuate tra Florida, Georgia e Carolina del Sud (afp)
Sono circa 2,5 milioni le persone evacuate tra Florida, Georgia e Carolina del Sud (afp)

Dopo aver seminato morte e distruzione ad Haiti, l’uragano Matthew si avvicina agli Stati Uniti acquistando potenza: è tornato alla categoria 4 e presto investirà la Florida con raffiche di vento da 220-230 kmi l’ora. Lungo la costa sud orientale degli Stati Uniti ordinata un’evacuazione che interessa oltre due milioni di persone. In Florida stato di allerta per otto milioni di abitanti.

L’uragano Matthew arriva in Florida, evacuate oltre due milioni di persone

Il governatore Scott: «Questa tempesta vi ucciderà, andate via». E Hillary annulla un comizio con Obama

NEW YORK – «Questa tempesta vi ucciderà. Non c’è più tempo da perdere. Evacuate, evacuate, evacuate!». Non poteva essere più drammatico, il governatore della Florida Rick Scott, quando ieri mattina ha ordinato a un milione e mezzo di persone di scappare dall’uragano Matthew, atteso in serata sulla costa vicino a West Palm Beach. E Obama ha rinforzato l’allarme, proclamando lo stato d’emergenza federale nella regione.

Matthew è un uragano di categoria 4, che si è formato nei Caraibi e ha già ucciso 150 persone. La maggior parte, oltre 135, ad Haiti, e un numero più ridotto a Cuba e nelle altre isole colpite dalla sua furia.

Ieri sera stava risalendo dalle Bahamas verso la Florida, con venti oltre le 140 miglia orarie. Dopo aver toccato terra nella zona di West Palm Beach, i meteorologi prevedono che l’occhio del ciclone passerà sopra Cape Canaveral, cioè la sede della Nasa, alle otto di questa mattina, ora americana. Poi dovrebbe procedere verso la Georgia e la South Carolina, e perdere forza nella mattinata di domenica sull’Atlantico. Erano dieci anni, cioè da quando Wilma aveva colpito nel 2005, che la Florida non veniva raggiunta da una tempesta così forte.

Gli effetti di Matthew, e i preparativi per evitare altri danni, sono enormi. Ieri le linee aeree hanno cancellato 1.400 voli tra Miami e Orlando, e altri 1.200 saranno bloccati oggi. Anche Disney World ha chiuso ieri sera alle cinque, e tornerà ad aprire solo quando l’uragano si sarà spento sull’oceano.

Il governo di Washington è pronto ad attivare l’agenzia per la protezione civile e tutte le risorse dello Stato. Il governatore Scott ha mobilitato 2.000 soldati della Guardia nazionale, per aiutare prima l’evacuazione, e poi gli eventuali soccorsi. In totale, tra Florida, Georgia e South Carolina, le persone che hanno ricevuto l’ordine di evacuare sono due milioni e mezzo. La fuga è cominciata ieri mattina, dopo le parole del governatore, che ha aperto tutti i caselli autostradali per facilitare il traffico. In serata però i ponti sono stati chiusi, obbligando chi non era ancora scappato a cercare rifugio. Decine di negozi hanno messo le tavole alle finestre, per sostenere l’impatto.

Matthew sta avendo un effetto anche sulla campagna presidenziale: la Florida è uno degli Stati più ambiti. La Clinton ha cancellato un comizio congiunto con Obama, ma ha comprato spazi pubblicitari sul canale del meteo, che in questi casi ha sempre un aumento di ascolti. La zona presa di mira dall’uragano non è Miami, ma soprattutto Orlando, dove vivono le minoranze ispaniche non cubane che votano democratico. I candidati dovranno evitare l’impressione di sfruttare il ciclone a scopi elettorali. Ci sarà tempo per le polemiche sugli effetti del riscaldamento globale.

Licenza Creative Commons
Alcuni diritti riservati

vivicentro.it/cronaca
vivicentro.it/Due milioni di americani in fuga dall’uragano Matthew
lastampa/L’uragano Matthew arriva in Florida, evacuate oltre due milioni di persone PAOLO MASTROLILLI – INVIATO A NEW YORK

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie