I NOSTRI MAIN SPONSOR

Cronaca Sud - cronaca

Castellammare. Giornate piene di eventi, e ‘ritorni’: Villa alla città, sorveglianza Terme, Funivia, Metrò del mare. La soddisfazione di Pannullo.

Castellammare. Giornate piene di eventi, e 'ritorni'

Dopo tanta attesa sembra finita la consegna a pezzettini (anche se ne manca ancora uno) di un bene da sempre orgoglio di Castellammare: il suo lungomare con ‘La Villa’, elegante e godibile insieme che ora, in TUTTA la sua completezza, torna a dispiegarsi e donarsi, fascinosa e sinuosa, per centinaia, centinaia ed ancora centinaia di metri lungo la “Perla del golfo di Napoli” con il Vesuvio che le fa da sfondo e, nelle giornate limpide, con anche Capri che le fa l’occhiolino da lontano.

Ci sono voluti più di due anni, dal venerdì mattina del 22 maggio 2015, quando si celebrò l’inizio dei lavori di riqualificazione, ad oggi: 12 agosto 2017 (per la precisione quindi, 26 mesi e 20 lunghi, lunghissimi, e chiaccchierati, nonché tromentati, giorni), ma finalmente “l’opera” è stata ‘quasi’ consegnata ed i cittadini (come anche, si spera, i turisti) potranno tornare a godersene fatto salvo il prato nelle aiuole del nuovo, e finale, tratto oggi consegnato nonché la parte dei “Servizi Pubblici” che restano ancora interdetti e dovrebbero essere resi agibili nel giro di 10 giorni.

E sì, siamo ancora al “quasi” e speriamo che realmente duri poco come si spara che, al contrario, i lavori fatti durino tanto. Per tutto ciò, solo il tempo potrà darci una risposta chiara e sincera.

Intanto giunge la soddisfazione di Pannullo che dichiara:
“Oggi la città di Castellammare riabbraccia il suo lungomare. Sono stati mesi lunghi e difficili ma in un anno siamo stati capaci di restituire la villa agli stabiesi. Un luogo che in tutti noi ha un posto speciale: il teatro dei primi amori e la zona ideale per passeggiare con i nostri figli. Adesso finalmente è fruibile e spero veramente che i cittadini sappiano curarlo. Ma ne sono sicuro: in questi mesi non ci sono stati grandi difficoltà. Chi si lamenta, lo fa in cattiva fede: sfido chiunque a venire alle 20 in villa comunale e trovare le carte a terra.

Ringrazio anche i tecnici e i giardinieri. Potevano benissimo prendermi in giro e mettere il prato che sarebbe morto nel giro di qualche giorno. D’accordo con la ditta, abbiamo deciso di fissare il verde entro settembre. Le targhe, invece, saranno posizionate nelle prossime settimane mentre i bagni entro 10 giorni saranno attivi. Questione arenile? Abbiamo parlato con alcuni professori universitari che ci hanno consigliato di lasciare l’erba così da avere un diverso colpo d’occhio. Cureremo, comunque, tutta la sabbia per evitare l’inquinamento. Ringrazio pubblicamente sia i lavoratori della Rf Appalti sia il volontario Andrea Lambiase che con amore sta curando il primo lotto del lungomare”.

A margine di questa notizia c’è da segnalare anche un’importante iniziativa, segno di civiltà e di attenzione ad una delle nefandezze costantemente in cronaca.

Tra le tante panchine che si dispiegano per tutto il lungomare, ve n’è una che spicca per colore e significato.

E’ una panchina rosa contro la violenza sulle donne. La panchina è stata collocata nei pressi del nuovo anfiteatro proprio per manifestare la vicinanza degli stabiesi a tutte le donne, stabiese e non, vittime di violenza.

Altra notizia che fa da corollario alla (quasi) riconsegna del lungomare in (quasi) tutta la sua interiezza, c’è da segnalare un altro “ritorno”: la “sorveglianza” alle Terme Stabiesi.

Penserete, come noi del resto, “ora che i buoi sono fuggiti si chiudono le porte” e, in effetti avete ragione visto che tutto l’asportabile, il vandalizzabile ed ultimamente anche incendiabile, sono cose ormai eseguite ma tantè, finalmente, da ieri sera, il presidente della Sint, Biagio Vanacora, ha (ri)attivato un servizio di sorveglianza per proteggere lo stabilimento che, da quando è stato chiuso per il fallimento , è stato costante oggetto di raid vandalici, razzie e, ripetiamo, incendi.

Questa la nota rilasciata, nel merito, dal presidente della Sint Biagio Vanacore:

“Con parere favore dell’azionista, si è provveduto ad attivare un servizio di sorveglianza non armata e vigilanza armata supportata da sistemi di video sorveglianza. Il servizio sarà svolto in maniera continuata per ventiquattro ore il giorno, e riguarderà tutta l’area immobiliare del complesso termale con le relative pertinenze inclusi il parco idropinico, Villa Ersilia, il Centro Congressi, l’Hotel delle Terme, e il parcheggio di viale delle Puglie”.

Poi non si può non segnalare la rimessa in funzione della Funivia per il Monte Faito. Altra perla della città che consente di poter passare dal livello del mare ai 1.100 metri del Faito in soli 7′. Anche questa è stata oggetto di una lunga e “faticosa” rimessa in esercizio culminato con l’ultimo fermo per la ristrutturazione di un pilone da sempre stato in quello stato ma che solo alla fine degli altri lavori lo si è preso in carico (farlo nel mentre sarebbe stata cosa troppo ovvia, comunque non in linea con il procedere dei lavori di manutenzione stabiesi). Comunque, anche per questo, accontentiamoci del noto: Piuttosto che niente, meglio il piuttosto.

Per finire, un altro gradito ritorno: il “Metrò del mare” una risorsa resa disponibile dalla Regione Campania che ha reinserito anche lo scalo di Castellammare di Stabia tra i porti serviti dall’Archeolinea. La nuova tratta, che collega i Campi Flegrei con la Costiera Amalfitana, torna quindi anche nel porto di Castellammare e fornisce un ulteriore porta di accesso alla città oltre a collegarla con altri gioielli del Golfo di Napoli.

Print Friendly, PDF & Email

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie