Cronaca

Bruxelles, scoperto il covo dove si è nascosto Salah

Salah Abdeslam

L’attentatore di Parigi, ancora latitante, rifugiato in un appartamento dove sarebbero state confezionate anche le cinture esplosive: trovate tracce e impronte. Procuratore federale: “Si teme attentato il 15 gennaio”

BRUXELLES – Si trova nel comune di Schaerbeek, nella capitale belga, l’appartamento in cui Salah Abdeslam, l’attentatore di Parigi riuscito a fuggire dopo la strage del 13 novembre, si sarebbe rifugiato per sfuggire alle forze dell’ordine. E in quello stesso appartamento sarebbero state confezionate le cinture esplosive fatte scoppiare dai kamikaze entrati in azione nella capitale francese. A scriverlo sono oggi i quotidiani belgi in lingua fiamminga De Standaard, Het Nieuwsblad e Het Laatste Nieuws.

L’appartamento era stato preso in affitto da un sospetto attualmente agli arresti. È stato scoperto dagli inquirenti il 9 dicembre: allora vennero trovate tracce di esplosivo TATP e tre cinture cucite a mano e che potevano essere utilizzate per trasportare esplosivi. Nello stesso luogo è stata identificata un’impronta digitale di Salah Abdeslam.

I detonatori, secondo la stessa fonte, sarebbero stati applicati agli ordigni in un hotel vicino Parigi, a Alfortville, dove Salah Abdeslam aveva prenotato due stanze. La procura federale non ha commentato queste informazioni, precisa De Standaard.

Le Soir, ha detto che si teme un attentato il 15 gennaio prossimo, data simbolica perché è un anno esatto dall’uccisione dei due terroristi che preparavano attentati a Verviers. Il procuratore ha spiegato che i servizi hanno preso in esame un tale scenario: “Teniamo conto di questa data simbolica, i terroristi cercano sempre simboli”, ha detto van Leeuw.

 

 

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie