Cronaca

Anonymous, sventato attentato terroristico in Italia

L’annuncio sull’account Twitter ‘Operation Paris’

Londra – Il collettivo di hacker ‘buoni’ Anonymous ha annunciato di aver sventato un attentato dello Stato Islamico contro l’Italia. Anonymous ha usato il suo account ‘Operation Paris’ su Twitter (#OpParis) per comunicare il giorno di Natale: “Questo mese abbiamo lavorato in silenzio. Abbiamo sventato un attacco in Italia, speriamo di impedirne altri”: un annuncio postato sui social dagli account ufficiali di Anonymous il 25 e rilanciato oggi scatena la rete, a caccia di altri dettagli su quanto avvenuto. Ma gli amministratori italiani del gruppo, che hanno un ruolo di primo piano nel coordinamento dell’operazione #OpParis, lanciata contro i seguaci di Abu Bakr al Baghdadi all’indomani degli attacchi del 13 novembre nella capitale francese, ammoniscono: “Daremo maggiori dettagli presto in un video. Ora non è il momento, l’operazione prosegue, siamo in una fase delicata”.

Il collettivo – che ha dichiarato guerra al ‘califfato’ da tempo ma ha rafforzato gli interventi dopo la strage di Parigi del 13 novembre scorso – non ha fornito ulteriori particolari, riferisce il britannico Daily Mail.

Gli ‘hacktivisti’ di Anonymous gia’ pubblicano e aggiornano una lista di account Twitter che – a loro dire – diffondono online propaganda pro-Isis. Poco dopo i massacri di Parigi, hanno inoltre dichiarato ‘guerra’ allo Stato Islamico in un video su YouTube, promettendo di dare la caccia ai terroristi in tutto il mondo. “Aspettativi attacchi cibernetici di massa. La guerra e’ dichiarata. Siate pronti”, avevano avvertito.

A livello globale, l’operazione anti-Isis ha portato, sino ad oggi, all’oscuramento di 15.500 obiettivi, tra account sui social network e siti web legati direttamente alle operazioni o alla propaganda dell’Isis. Ma altri 4.000 account sono nati nelle ore successive: “Il nostro scopo è rallentarli”, sottolinea Anonymous. Gli ‘esperti’ dell’Isis non sono stati a guardare: hanno diffuso online manuali per ‘difendersi’ dagli attacchi, e in qualche caso hanno rilanciato, per tentare di ‘delegittimare’ gli anonimi. E’ stato questo probabilmente il caso del falso allarme fatto circolare il 21 novembre scorso, con una allerta attentati in Usa, Libano e in Italia, a Roma e Milano, dove il giorno dopo è stato annullato – a scopo precauzionale – un concerto dei Five Finger Death Punch. “Non riveleremo la città obiettivo dell’attacco sventato fino a quando l’operazione non sarà terminata, e anche per non scatenare alcun panico”, sottolinea Anonymous. Che assicura: “L’Isis ci teme, stiamo preparando un nuovo script per cancellare 1.000 account al giorno. Cureremo la loro malattia mentale”.

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie