I NOSTRI MAIN SPONSOR

LoPiano-SaintRed

Idrocarburi Insaturi. (Lo Piano – Saint Red)

IDROCARBURI - Referendum sulle trivellazioni nei nostri mari
Referendum sulle trivellazioni nei nostri mari
Idrocarburi Insaturi – Il Referendum sulle trivellazioni nei nostri mari, si svolgera’ in Italia il 17 Aprile, sono in tutto 130 le piattaforme petrolifere sparse da Nord a Sud. La maggior parte di esse si trovano oltre le 12 miglia dalla costa, queste non sono interessate al voto referendario.
                                          Idrocarburi Insaturi: Mediterraneo Nero
In Italia le piattaforme che estraggono il petrolio entro le 12 miglia sono 39 sparse in Veneto, Emilia Romagna, Marche, Abruzzo, Calabria e Sicilia. Comunque vada la consultazione elettorale, le trivelle petrolifere continueranno ad estrarre petrolio per diversi anni ancora, visto che ciascuna piattaforma ha un proprio contratto che come base e’ trentennale.
E non finisce qui :
Alla scadenza, le aziende petrolifere possono richiedere una ulteriore proroga di ventanni, al termine del cinquantennio, e’ ancora previsto un prolungamento dei lavori che puo’ arrivare sino all’esaurimento del giacimento e anche delle Popolazioni che sono costrette a convivere con questi agenti inquinanti.
Se vincessero i Si, ancora una volta sarebbe una vittoria di Pirro, visto che gli impianti di 21 titoli di cui si parla, “potrebbero” chiudere tra 10 anni, invece quelli che hanno ottenuto le concessioni piu’ recenti, potrebbero finire di estrarre l’oro nero tra ventanni, oltre tutte le “prolunghe” burocratiche.
Chi firma le concessioni non si rende conto che le trivelle sono capaci d’inquinare l’ambiente per secoli, questi contratti andrerebbero rivisti, il futuro non bisognerebbe ipotecarlo per Secoli.
Con il prezzo del petrolio ai minimi storici,estrarre oggi non e’ conveniente, Crocetta la pensa diversamente, dichiara che non vi puo’ essere incompatibilita’ tra progresso e ambiente.
Crocetta, e’ convinto che con l’estrazione degli idrocarburi, si possano ottenere “Royaltes” da capogiro, e’ sicuro che si possano guadagnare 500 milioni di euro l’anno, con i quali si potranno risanare i buchi neri dell’intera Isola, compresi i crateri dell’Etna e delle Isole Eolie.
Crocetta e’ amico dei petrolieri, ha dato il via libera alle nuove estrazioni, ma i dati del 2012 di quanto sia stato versato dai petrolieri in “Royaltes, sono poco incoraggianti soli 1,7 milioni di euro, nulla a confronto con i sogni Crocettiani.
Troppe pugnalate sono state “concesse” ai Siciliani da quando Crocetta e’ stato eletto, speriamo che gli anni che lo separano dalla fine legislatura passino in fretta, nella speranza che i Siciliani possano estrarre dalle future urne, un Presidente di Regione privo di idrocarburi insaturi.
/ Idrocarburi Insaturi. (Lo Piano – Saint Red)
Print Friendly, PDF & Email

Categorie

YOUTUBE

Iscriviti al nostro canale

Social

Categorie